“Ci rubate il futuro”

In questo momento conflittuale e confuso c’è una affermazione che sento ripetere in diverse varianti nei dibattiti pubblici, che mi lascia particolarmente sconcertato.  Molti giovani studenti delle superiori o dell’università dicono cose tipo: “noi non abbiamo futuro”, oppure “ci avete/hanno rubato il futuro”.  A volte l’ho sentito dire a degli adulti già inseriti nel mondo del lavoro: “questi ragazzi non hanno futuro, guardano al futuro senza speranza”.

Ora: che cosa ne sa un giovane di 15 o di vent’anni su quello che sarà il suo futuro?  Se gli economisti hanno mostrato di capirci poco, perchè un ragazzo dovrebbe essere in grado di fare delle previsioni?  A me sembra che quest’affermazione esprima un malessere tutto odierno, più che un problema che riguarda il futuro.  Che giovani sono quelli che non pensano di potersi inventare un futuro nuovo, di poter riscrivere le regole secondo cui vivere?  Secondo me ripetono opinioni che sono dei loro zii e genitori, più che esprimere una visione propria, e questo è deprimente.

Se un mondo fatto di lavoro sicuro e pensione per tutti così come lo abbiamo conosciuto in passato davvero non fosse più sostenibile di qui in avanti, questo significhererbbe “non avere futuro”?  Forse la società ha in serbo qualcosa di meglio per loro; a me non stupirebbe. E poi, da quando in qua i giovani sperano in un futuro uguale a quello dei loro genitori e crescono timorosi di perdere questa possibilità?   Coraggio ragazzi, avete la possibilità di dire qualcosa di più originale, di più sentito.

Annunci

4 Responses to “Ci rubate il futuro”

  1. Alberto Cottica ha detto:

    Non sei un po’ ingiusto? Recentemente, a Roma, ho visto un manifesto con quello slogan: viene usato per protestare contro le barriere all’accesso all’istruzione (carenze di docenti, edilizia scolastica in abbandono etc.). E che l’istruzione sia un pezzo di quasi qualunque futuro possiamo immaginarci direi che siamo tutti d’accordo, no?

    • tito ha detto:

      Non mi sembra. Ma è un punto di vista filtrato dal mio approccio all’esistenza.
      Ma non eri tu sostenevi anche tu un po’ di tempo fa che la scuola aveva fatto il suo tempo?

      • Alberto Cottica ha detto:

        Io ho opinioni che non necessariamente sono condivise dai giovani del PD romano (se non ricordo male il manifesto era stato fatto da loro). E comunque sono un grande fan dell’istruzione, anche se non necessariamente di quella formale.

  2. sincero bresciani ha detto:

    Condivido in parte quello che affermi. Che lo dica un 15enne, è un conto; e facilmente mi viene in mente il testo di “cencio” di Guccini. Ma se a lamentarsi è un 40enne (che magari vive nella food valley, con due figli, una casa da rimettere a posto…cioè io) che ha già qualche capacità di parametrizzare ciò che vede attorno a se (la politica, la società, il mercato del lavoro), forse qualcosa di vero c’è. Oppure sto invecchiando e tornando a “cencio”…. “s’ciao giovinezza!”
    Sincero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: