Imparare nelle diverse fasi della vita

30 ottobre 2014

Spesso mi lamento del fatto che a causa di impegni di lavoro e di famiglia non ho più tempo per studiare.  In realtà non è che non impari niente del tutto.  Imparo lo stesso delle cose, forse di meno di quando ero studente, sicuramente in modo diverso.

Imparo leggendo molte cose in modo rapido e superficiale e venendo bombardato da moltissime informazioni più e meno richieste, senza aver tempo di dedicare a ciascun argomento il tempo che servirebbe a capirlo a fondo. Imparo in virtù della quantità, più che della qualità dell’attenzione che riesco a dedicare a ciascuna questione.  Per esemplificare questa differenza mi sono venute in mente due immagini alternative.

sand

La sabbia che cade dall’alto vs. una struttura intenzionalmente costruita.steel-tube-structure-9884652

 

Se immaginiamo che le conoscenze che assorbo siano rappresentate dall’altezza raggiunta dalla costruzione, prima mi proiettavo verso l’alto montando strutture progettate intenzionalmente, oggi punto sulle proprietà fisiche e meccaniche che fanno si che la sabbia versata dall’alto, si accumuli in verticale. Forse in passato costruivo strutture più solide e certo usavo il materiale da costruzione in modo più efficiente, ma se raggiungo più alte vette oggi o allora dipende anche dalla quantità e dalla velocità con cui i materiali mi vengono riversati addosso.

Annunci

Quando ho imparato a studiare (altre differenze cogli USA)

17 agosto 2011

Ricordo bene quando sentii parlare per la prima volta di “studiare”.  Era all’inizio della scuola media e mi veniva richiesto dai professori di studiare a casa certe pagine di storia o alcune regole di matematica.  Era un concetto nuovo perchè alle elementari la categoria utilizzata per il lavoro da fare a casa era quella di “fare i compiti”. Dentro di me mi chiesi, ma che cosa significa in pratica “studiare”?  Un po’ mi vergognavo a chiederlo perchè sembrava una cosa scontata per tutti. Poi, confrontandomi un po’ timoroso con mia madre e con qualche compagno capii che studiare in un certo senso significava “imparare”, mentre per altri significava “leggere e ripetere” – una cosa che, penso oggi ma non ero in grado di capire allora, è solo uno dei possibili metodi per imparare qualcosa.

Più avanti mi fu chiaro che la maggioranza dei professori si aspettavano che ripetessimo ad alta voce, per impararle, le cose che ci venivano spiegate o che leggevamo sui libri.  In definitiva però a me a scuola non è stata mai formalmente insegnata una tecnica di studio, ossia un metodo per imparare.  L’ho sviluppata e perfezionata nel tempo da solo sulla base di insegnamenti un po’ indiretti e taciti.  Su quest’esperienza mi farebbe piacere confrontarmi con chi mi legge.  A me rimane la sensazione che la nostra scuola, tra le tante cose, non preveda che si insegni un metodo per imparare.

Di qui la sorpresa che  ho provato quando ho scoperto molto più tardi che alcuni studenti americani adoperavano un metodo di studio che io non conoscevo.  Si tratta delle note cards o flash cards: una serie di cartoncini della stessa forma rettangolare su cui si prende nota secondo una tecnica prefissata delle componenti più importanti di un concetto, cosicchè, riletti in sequenza, aiutano ad assimilare un libro, una lezione, etc. In alcune versioni, questo metodo sembra simile a somministrarsi un quiz in una sequenza din propria creazione. Ci sono molti esempi sul web di tecniche per imparare con questo metodo, come questo o questo.   

Credo che ci sia un collegamento fra questo metodo di studio, che non so davvero quanto sia diffuso, ed una differenza ben più profonda  nell’organizzazione del pensiero che mi ha fatto sentire diverso da molti colleghi che ho conosciuto negli USA (e qui non voglio parlare per nessun altro che per me stesso).  Io trovo che il mio sapere abbia una forma più discorsiva e difficilmente separabile in unità autonome: è nelle relazioni almeno quanto nei concetti.  La cultura di molti  americani sembra invece fatta di concepts isolati.  Per questo a molti appare superficiale e nozionistica.  Per altri versi una conoscenza organizzata in questo modo aiuta nella soluzione di test e forse a recuperare il concetto più adatto in risposta ad un bisogno. Non so quanto questa mia intuizione corrisponda a qualcosa di generalizzabile e proprio per questo mi piace condividerla qui.  Che abbia a che vedere con il fatto che nei miei non pochi anni di studio io abbia ripetuto molti brani in lunghe sequenze ininterrotte?  Certo l’uso delle note cards può essere tanto una causa quanto un  effetto di una cultura più “molecolare”.